Typewriter

Typewriter
I contenuti di questo blog non possono essere riprodotti, neanche in parte, senza l'autorizzazione scritta dell'Autrice.

venerdì 30 agosto 2013

Nessuno sa di noi_Simona Sparaco






Nessuno sa di noi_Simona Sparaco
Giunti editore
2013
p. 252

Trama:
Luce e Pietro, una coppia come tante, che desidera avere un figlio. Lei giornalista, lui imprenditore: Forse non sono proprio una coppia come tante, perché sono benestanti e quindi già una serie di problemi di sopravvivenza li hanno risolti…Si trovano di fronte a un doppio dramma: il primo quello di non riuscire a raggiungere il traguardo della gravidanza.  Superato questo problema, dopo cinque anni di affannati tentativi, si trovano ad affrontare un dramma enorme e una conseguente scelta dolorosissima: il bambino ha una malformazione gravissima, è molto probabile che non riuscirà a sopravvivere al parto, e anche se dovesse sopravvivere, avrà una vita straziante che significherà solo sofferenze. Questa tragica scoperta (confermata da più di un medico, nel pellegrinaggio che Luce e Pietro compiono) avviene quasi al settimo mese di gravidanza, tanto che, a questo stadio della gestazione, la legge italiana non consente più il cosiddetto “aborto terapeutico” ovvero finalizzato a evitare sofferenze al piccolo e alla madre. Tuttavia l’aborto terapeutico è consentito in altri paesi, fra i quali l’Inghilterra . Pertanto, proprio perché Luce e Pietro sono benestanti, possono permettersi questo viaggio per praticare questa sciagura. “Sciagura” perché Luce non è proprio convinta della scelta e a questo punto si apre un baratro davanti a lei, un baratro di sofferenza, alienazione, sensi di colpa, che l’autrice è bravissima a descrivere (meritatissima la candidatura alla cinquina finale del premio Strega).
Recensione: Un libro dall’argomento toccante, commovente, che apre inevitabilmente un’infinità di interrogativi, non religiosi (anche se si parla pure di religione) ma “umani”.
Un libro riflessivo ma che ho letto in pochissime ore , tanta è la bravura dell’autrice.
Fra i molti interrogativi:
qual è il discrimine fra l’aborto terapeutico e l’infanticidio? Perché in un paese è consentito e in altri no? (non è l’omicidio considerato reato in tutti i paesi?) Perché una coppia benestante può permettersi di fare una scelta del genere e una coppia priva di mezzi economici no? Forse è meglio non essere costretti a tale scelta (date le conseguenze devastanti che ha la stessa sulla protagonista) ma abbandonarsi al destino? (in Italia lo stesso baratro può aprirsi per qualsiasi coppia per quanto riguarda l’aborto nei primi tre mesi di gravidanza).
L’autrice mette bene in evidenza anche i rapporti fra la protagonista e la madre, e la nonna, perché ogni madre è stata anche figlia e questo si ripercuote inevitabilmente sia nel rapporto con i figli, sia nel desiderio di maternità… A parere mio l’interrogativo più grande che questo libro pone, anche se non è esplicitamente enunciato è: può una donna dirsi donna senza la maternità? Può una coppia dirsi coppia senza figli? La mia risposta è affermativa, ed è una mia opinione personale, anche corroborata dalle vicende che ho letto in questo romanzo, per come l’ho percepito io. E dirò di più, personalmente la figura che mi ha commossa maggiormente è proprio quella di Pietro, la figura del papà. L’uomo è sempre trascurato in queste vicende, e io sono la prima a sostenere sempre i diritti delle donne. Tuttavia in questo caso la figura di Pietro mi ha commossa ancora di più di quella della protagonista, per la DIGNITA’ con cui ha affrontato il suo dolore, in silenzio, e con coraggio. Credo che il vero modo di affrontare un dolore sia questo, il dolore non si sbandiera.
Mi scuso se ho espresso troppe opinioni personali, ma l’argomento così toccante si prestava.
Un plauso particolare all’autrice, perché credo che abbia raggiunto quello che è scopo principale di un Autore con la A maiuscola, quello di emozionare.
© Miriam Caputo



tratta dal libro:

"Una leggenda vuole che i bambini nel liquido amniotico siano onniscienti:  che conoscano il presente, il passato, il futuro, e tutto quel che c'è da sapere. Le lingue, le tradizioni, i mestieri, i pericoli, le avventure, la vita. Ma poi, si narra, nell'istante esatto del parto, un angelo cancella al neonato il ricordo di ciò che ha appreso per diritto divino. Lo sforzo di espulsione dal corpo della madre implica una caduta metafisica, costringe a dimenticare, e la rottura delle acque apre il varco che subito dietro si richiude. Così, in un unico salto nel mondo, si azzera l'infinita sapienza accumulata nel ventre materno" 


immagine tratta dal web























mercoledì 7 agosto 2013

Buone vacanze

"La ragazza dagli occhi grandi" di Miriam Caputo va in vacanza.
Il fatto che non posti non significa che io non stia lavorando per voi.
I consigli di lettura per l'estate ve li ho già dati qui
Ci si rivede a Settembre con tantissime novità e con tantissime cose interessanti.

BUONE VACANZE E SOPRATTUTTO BUONE LETTURE!!!

Miriam C.